Ven. Feb 23rd, 2024
inbound-marketing

Se ti stai occupando di marketing digitale allora il concetto di inbound marketing ti riguarda molto più da vicino. Sostanzialmente, l’inbound vuol dire guidare il cliente verso la risoluzione di quelle che sono le problematiche inerenti ad un determinato prodotto o servizio che ci si appresta a vendere. L’attività di outbounding, invece, si pone l’obiettivo di intercettare nuovi acquirenti.

Entriamo più nel dettaglio.

Inbound Marketing: di cosa si parla?

L’inbound marketing è una metodologia specifica di marketing digitale che tende ad applicare una particolare strategia di contatto con il cliente. Detto in altre parole, cerca di capire qual è l’esigenza che colpisce l’acquirente per poi stabilire un contatto con esso e spostarlo nell’ottica di acquistare un determinato prodotto o servizio.

Inbound Marketing: quale metodo utilizza?

Elaborare una strategia di Inbound marketing vuol dire individuare un potenziale cliente verso il negozio da noi interessato – solitamente un e-commerce – e convogliarlo nella fase finale del processo di acquisto. Ovvio che non bisogna limitare il lavoro a questo punto, ma bisogna supportare l’acquirente anche nella fase successiva, in quella di post-vendita.

Un’operazione, questa, che viene definita Flywheel ossia quel processo volto ad attrarre, coinvolgere e ricompensare il cliente sia legato ad un orizzonte temporale presente che futuro, con lo scopo di aumentare il proprio engagement.

Inbound Marketing: quali strategie ci sono?

Accennato cos’è il Flywheel adesso entriamo più nel merito, parlando accuratamente di quello che significa attrarre, coinvolgere e ricompensare il cliente:

  • strategia inbound marketing per attrarre il cliente: è una metodologia di marketing volta ad accaparrarsi una bella fetta di cliente ideale, definito anche come buyer personas. Qualunque attività che possa avere un ottimo piazzamento nei social o nei motori di ricerca per ottenere visibilità. Una strategia molto utilizzata è anche ricorrere all’uso di tutorial da parte di influencer;
  • strategia inbound marketing per coinvolgere il cliente: il coinvolgimento della buyer persona richiede un legame di lunga durata, non limitato al rapporto di vendita. L’assistenza è uno dei punti forza di questa strategia di inbound marketing;
  • strategia inbound marketing per ricompensare il cliente: la ricompensa del cliente è quella più importante. Significa non rimanere ancorati al mero rapporto commerciale, ma di creare le basi per una fidelizzazione vera e propria. Se il prodotto o il servizio non dovesse andare bene, il cliente dovrà trovare un porto sicuro ove affidarsi in caso di guasto, malfunzionamento, reso, rimborso. Insomma, rimanere vicino al cliente anche nella successiva fase di acquisto.

Inbound Marketing: quali strumenti ci sono?

  • blog: è uno degli strumenti più utilizzati nella strategia di inbound marketing. È uno spazio personale dove condividere contenuti, scritti in ottica SEO, che permettono di raggiungere con più facilità la buyers personas scelta;
  • email marketing: nel campo del marketing digitale, risulta essere una delle metodologie più efficaci. L’email marketing converte il potenziale cliente in un acquirente finale, per questo è bene organizzarsi con tool appositi che possano gestire con più facilità un bacino di migliaia di persone;
  • customer relationship management: è la modalità in cui un’azienda gestisce i rapporti con clienti già fidelizzati e con quelli potenziali. In altre parole, consente alle imprese di monitorare e analizzare le interazioni;
  • social media: infine, fare community, rispondere alle domande dell’utente, stilare campagne di sponsorizzazione, creare affiliazioni con influencer, è una strategia di inbound marketing di successo. Grazie ai social network diventa più facile intercettare il proprio pubblico.